Recensione Huawei TalkBand B1 il braccialetto contapassi con auricolare bluetooth

Il bracciale elettronico per smartphone e tablet Android e iPhone di Huawei permette di tracciare il proprio movimento, le calorie, la qualità del sonno e contiene un auricolare bluetooth per chiamare.

hauwei_talkband_b1_3

I braccialetti in grado di monitorare i nostri passi, le nostre calorie bruciate e molto altro sono presenti sul mercato da pochi anni, ma si stanno evolvendo molto in fretta. La causa è anche dei cosiddetti “smartwatch”, che integrando funzioni fitness, rischiano di divorare del tutto il mondo dei braccialetti conta passi, che in confronto possono apparire limitati. E’ questo lo scenario in cui Huawei ha deciso di lanciare la TalkBand B1, la sua arma segreta (per sopravvivere all’avanzata degli smartwatch) risulta semplice quanto efficace, integrare un qualcosa che non è possibile mettere in uno smartwatch. Huawei ha scelto di mettere un’auricolare bluetooth, oggetto che è forse passato un po’ di moda a causa della scomodità di “stoccaggio” quando non lo si utilizza, ma l’azienda Cinese ha risolto anche questo problema integrando auricolare e braccialetto in un unico prodotto all’apparenza indivisibile.

hauwei_talkband_b1_17

Esteticamente è simile al FitBit Flex (che abbiamo provato QUI), anche la scatola si ispira molto, così come il braccialetto in gomma con la medesima chiusura graduata e “cuore tecnologico” estraibile sulla parte superiore, ma a differenza del flex la parte che si estrae è un “Tracker” del nostro movimento-sonno e allo stesso tempo un auricolare bluetooth in tutto e per tutto, con tanto di tasto per rispondere alle chiamate. Inoltre a differenza del FitBit, la TalkBand ha un display Amoled curvato da 1.4″, in bianco e nero. Questo ci permette di: vedere l’ora premendo il tastino sul fianco, avere il livello di batteria del braccialetto, verificare che sia connesso allo smartphone, controllare il numero di passi, le calorie bruciate, le ore di sonno e anche vedere il nome/numero di chi ci sta chiamando. Il tutto lasciando il telefono in tasca, niente male per un braccialetto contapassi.

hauwei_talkband_b1_20

La nostra esperienza ci insegna che ogni contapassi utilizza algoritmi e calcoli diversi per “contare” i nostri passi, alcuni ne contano di più e altri meno. Il dispositivo di Huawei fa parte della seconda categoria, infatti in confronto ad un Fitbit Flex, a fine giornata noteremo mediamente un 20% di passi in meno. Questo perché, il Flex tramuta ogni singolo movimento del braccio in passi, mentre la TalkBand filtra tutti i movimenti che facciamo cercando di estrarre solo quelli che sono associati ad una camminata.

hauwei_talkband_b1_22

Appurata la precisione nel conteggio dei passi, la stessa cosa si ripete nella misurazione del sonno che risulta accurata e in linea con gli altri “tracker” presenti sul mercato. In realtà la TalkBand B1 ha una marcia in più, infatti non esiste una modalità sonno da inserire premendo un tasto, ma il tutto avviene in automatico con una precisione sorprendente. Quando ci addormentiamo inizierà a analizzare il nostro sonno e appena ci svegliamo partirà il conteggio dei passi, non importa se è giorno o notte, anche un brevissimo pisolino pomeridiano verrà registrato automaticamente senza problemi. Abbinata alla registrazione del sonno non manca la sveglia tramite vibrazione, che a detta di Huawei dovrebbe svegliarci nel momento migliore, in modo da farci sentire riposati e freschi. In realtà questa specifica funzione non sembra funzionare, al momento, e quindi ci sveglierà vibrando all’ora da noi prestabilita. La vibrazione è sufficientemente forte da svegliarvi senza problemi. Purtroppo però non è possibile impostare più di una sveglia, quindi siamo costretti a reimpostarla ogni volta se non abbiamo orari estremamente regolari.

Una delle funzioni principali del braccialetto TalkBand B1 è ovviamente l’auricolare Bluetooth. Quando riceviamo una chiamata e il nostro smartphone è nel raggio di, circa, 10 metri dal bracciale, questo inizierà a vibrare e sullo schermo apparirà il numero o il nome (se non è troppo lungo) del chiamante. A questo punto possiamo decidere se prendere il telefono e rispondere o se premere il tasto di estrazione dell’auricolare presente sul braccialetto (in questo modo lo smartphone capirà che vogliamo usare l’auricolare) e rispondere premendo il tasto presente sul fianco dell’auricolare. Chiaramente l’auricolare può essere utilizzato per riprodurre musica tramite bluetooth, indicazione del navigatore e molto altro.

Ci è piaciuto:

I passi vengono filtrati con precisione, ignorando i piccoli movimenti del braccio; la modalità sonno automatica è fondamentale per ogni tracker, senza questa funzione ci dimenticheremo la maggior parte delle volte di attivare e disattivare la modalità; l’auricolare funziona egregiamente ed è sempre con noi; la batteria arriva anche a 5 giorni di utilizzo nonostante sia sempre attiva la connessione bluetooth 4.0, inoltre la batteria dello smartphone non ne risente; il prezzo di circa 130€ è allineato agli altri bracciali che non hanno display e auricolare; è possibile utilizzarlo come orologio; abbiamo tutte le nostre statistiche in tempo reale sul bracciale (calorie, sonno, passi) senza doverlo sincronizzare; il bracciale si trasforma in cavo USB per la ricarica; design eccellente e qualità costruttiva degna di nota.

Non ci è piaciuto:

Lo schermo non rimane acceso, quindi dobbiamo premere ogni volta per visualizzare l’ora; la tecnologia amoled non consente di vedere bene le informazioni al sole; nonostante sia leggero è ingombrante in confronto ad uno orologio o un braccialetto; l’app è estremamente acerba, non è possibile registrare cibi, attività, movimenti; la sveglia è solo una e non funziona come promesso; se il nome del chiamante è lungo verrà visualizzato il numero; le notifiche di email e messaggi sono state annunciate ma al momento non implementate.

hauwei_talkband_b1_26

Tirando le somme, la TalkBand B1 di Huawei si è rivelata un prodotto interessante e ricco di funzioni, con molti problemi di gioventù, in particolare dal punto di vista delle app per smartphone, il tutto è risolvibile con qualche aggiornamento, per questo motivo, consigliamo calorosamente l’acquisto a chi vuole un braccialetto conta passi con un paio di marce in più, chi usa molto gli auricolari bluetooth troverà in questo prodotto un compagno fedele. Non sembra essere un prodotto pensato per farci dimagrire o per farci stare in forma, data la mancanza di consigli o la possibilità di inserire cibi o attività sportive particolari, appare più come un modo di Huawei per rincorrere disperatamente i fitness tracker. Chi invece fa molto sport e non vuole auricolari o troppe funzionalità è meglio che si orienti su prodotti più compatti e discreti come Jawbone UP24 o FitBit Flex.

Potete approfondire e acquistare la TalkBand B1 cliccando QUI.

 

Recensione Huawei TalkBand B1 il braccialetto contapassi con auricolare bluetooth
Design rating starrating starrating starrating starrating star
Software rating starrating starrating starrating starrating star
Funzioni rating starrating starrating starrating starrating star
Accuratezza rating starrating starrating starrating starrating star
SUMMARY
Braccialetto ricco di funzioni, il più "smart" del momento, perfetto se volete un orologio e anche un auricolare, ingombrante se volete solo un contapassi.
4
rating starrating starrating starrating starrating star