Quando i computer fanno girare le…

Vi è mai capitato di utilizzare i vostri portatili su internet ? mai sentito parlare di Youtube e altri portali con animazioni spettacolari?
Quelli sono contenuti per i flash player del nostro browser, aspettate un attimo, mi si sta scaldando il macbook, ora mi fa proprio girare le ventole!

Come vorrei avere il flash su iphone, che nervi quando navigo e mi appare il quadratino che indica la mancanza di supporto a quel contenuto, eppure Apple non vuole il flash sui propri dispositivi della serie “iP”, consumano troppa batteria perchè sovraccaricano il processore, niente di più vero se pensate al mio siparietto iniziale.

Tutta questa premessa per dire che, Google, con il suo braccio video: YouTube, ha avviato i test per il supporto ad HTML5 (ma è una moda dare un nome alle cose e farle seguire da un numero?) ed ha contribuito alla diffusione di Flash e della sua abitudine a forgiare nelle vostre CPU, ora , appena verrà standardizzato come si deve HTML5, potrebbe essere l’inizio della fine per il prodotto di Adobe, per le stesse mani della sua nutrice.

I grandi pregi del web 2.0 dovevano essere la leggerezza e l’indipendenza dai dispositivi utilizzati, flash non sembra rispondere correttamente ai requisiti, da notare che iPhone supporta(in modo molto limitato) HTML5 da settembre 2008 e credo che l’idea originale degli ingegneri di Cupertino con le webApp fosse già rivolta a questi grandi passi verso il Cloud Computing, prima di scoprire il pozzo della fortuna chiamato AppStore.

Come abbiamo imparato, la tecnologia è fatta di standard, la guerra ormai si è spostata sul web, Google comanda le armate, Apple fornisce i mezzi migliori, noi non possiamo che beneficiarne!