Apple si prepara al lancio di Windows 7…

Con il lancio di Windows 7 , anche Apple inizia a mettere in atto la campagna di contrasto al sistema operativo concorrente.

Cupertino si sta infatti muovendo a grandi passi per contrastare Redmond. Le armi in possesso di Apple sono davvero molto affilate, e portano con sè tutta la grazia e la mestosità del leopardo: Snow Leopard è senz’altro il miglior sistema operativo al mondo.

[singlepic id=372 w=320 h=240 mode=web20 float=center]


I suoi punti di forza sono proprio le debolezze dei sistemi targati Windows. Se i sistemi Microsoft sono lenti, dotati di scarso software al momento dell’acquisto, scomodi da usare e poco intuitivi, Snow Leopard (ma anche i suoi predecessori) sono proprio il contrario, comodi, semplici e amichevoli.

Windows 7 non ha installato alcun software (come iLife), è vulnerabile ai virus, ed è terribilmente scomodo. Infatti a chiunque vorrà passare da Windows XP a Windows 7, sarà richiesto di effettuare un backup di tutti i dati su un drive esterno, formattare il proprio computer, installare il nuovo sistema operativo, reinstallare tutto il software desiderato, e quindi procedere a reimportare i dati dal backup. Non è proprio il massimo della comodità.

A differenza di 7, Snow Leopard non richiede nulla di tutto ciò durante l’upgrade da Leopard: è sufficiente lanciare l’installazione e attendere circa 20-30 minuti.

[singlepic id=373 w=320 h=240 float=center]

Phil Schiller scherza su questo fatto dicendo “perchè mai un utente dovrebbe fare tutta questa fatica quando può prendersi un Mac?”.

Microsoft risponde, un po’ con la coda tra le gambe, che tanto la maggioranza di utenti di 7 avranno il sistema operativo assieme ad un Pc nuovo, e che quindi per loro non si porrà il problema. Ennesimo errore che dimostra ancora una volta, se ce ne fosse bisogno, quanto Microsoft sia distratta verso i suoi “vecchi utenti”. Il loro nuovo slogan è: “Non sapete aggiornare il computer? Cambiatelo”, decisamente poco elegante, soprattutto visti i recenti problemi alla finanza mondiale.

Se anche Microsoft dovesse aver imparato la lezione Vista, Apple può continuare a dormire sonni tranquilli: il suo sistema operativo resterà il migliore al mondo ancora per qualche lustro, più per mancanza di alternative serie che per merito proprio.